martedì, novembre 22, 2005

In un'intervista rilasciata al regista francese Francois Truffaut, il "re del brivido" Alfred Hitchcock spiegò così la differenza tra suspense e sorpresa:

«Noi stiamo parlando, c'è forse una bomba sotto questo tavolo e non accade niente di speciale; tutt'a un tratto: boom, l'esplosione. Il pubblico è sorpreso, ma prima che lo diventi, gli è stata mostrata uan scena assolutamente priva di interesse. Ora veniamo alla suspense. La bomba è sotto il tavolo e il pubblico lo sa, perchè ha visto l'attentatore mentre la stava piazzando. Il pubblico sa anche che la bomba esploderà all'una e sa che è l'una meno un quarto (c'è un orologio nella stanza); la medesima conversazione insignificante diventa tutt'a un tratto interessante perchè il pubblico partecipa alla scena. Gli verrebbe da dire ai personaggi sullo schermo: "Non dovreste parlare, c'è una bomba sotto il tavolo che sta per esplodere da un momento all'altro". Nel primo caso abbiamo offerto al pubblico 15 secondi di sorpresa al momento dell'esplosione. Nel secondo caso gli offriamo 15 minuti di suspense.»

---

«There is a distinct difference between 'suspense' and 'surprise', and yet many pictures continually confuse the two. I'll explain what I mean.
We are now having a very innocent little chat. Let us suppose that there is a bomb underneath this table between us. Nothing happens, and then all of a sudden, 'Boom!' There is an explosion. The public is surprised, but prior to this surprise, it has seen an absolutely ordinary scene, of no special consequence. Now, let us take a suspense situation. The bomb is underneath the table, and the public knows it, probably because they have seen the anarchist place it there. The public is aware that the bomb is going to explode at one o'clock and there is a clock in the décor. The public can see that it is a quarter to one. In these conditions this same innocuous conversation becomes fascinating because the public is participating in the scene.
The audience is longing to warn the characters on the screen: 'You shouldn't be talking about such trivial matters. There's a bomb underneath you and it's about to explode!'
In the first case we have given the public fifteen seconds of surprise at the moment of the explosion. In the second case we have provided them with fifteen minutes of suspense. The conclusion is that whenever possible the public must be informed. Except when the surprise is a twist, that is, when the unexpected ending is, in itself, the highlight of the story».