lunedì, ottobre 10, 2011

La linea d'ombra




La linea d'ombra / la nebbia che io vedo a me davanti per la prima volta nella vita mia mi trovo / a saper quello che lascio e a non saper immaginar quello che trovo / mi offrono un incarico di responsabilità / portare questa nave verso una rotta che nessuno sa / è la mia età a mezz'aria in questa condizione di stabilità precaria / ipnotizzato dalle pale di un ventilatore sul soffitto / mi giro e mi rigiro sul mio letto / mi muovo col passo pesante in questa stanza umida di un porto che non ricordo il nome / il fondo del caffè confonde il dove e il come / e per la prima volta so cos'è la nostalgia la commozione / nel mio bagaglio panni sporchi di navigazione / per ogni strappo un porto / per ogni porto in testa una canzone / è dolce stare in mare quando son gli altri a far la direzione / senza preoccupazione soltanto fare ciò che c'è da fare e cullati dall'onda notturna sognare la mamma... il mare.
Mi offrono un incarico di responsabilità / mi hanno detto che una nave c'ha bisogno di un comandante / mi hanno detto che la paga è interessante e che il carico è segreto ed importante / il pensiero della responsabilità si è fatto grosso / è come dover saltare al di là di un fosso che mi divide dai tempi spensierati di un passato che è passato / saltare verso il tempo indefinito dell'essere adulto / di fronte a me la nebbia mi nasconde la risposta alla mia paura / cosa sarò dove mi condurrà la mia natura? La faccia di mio padre prende forma sullo specchio / lui giovane io vecchio / le sue parole che rimbombano dentro al mio orecchio "la vita non è facile ci vuole sacrificio un giorno te ne accorgerai e mi dirai se ho ragione" / arriva il giorno in cui bisogna prendere una decisione / e adesso è questo giorno di monsone col vento che non ha una direzione / guardando il cielo un senso di oppressione / ma è la mia età dove si sa come si era e non si sa dove si va, cosa si sarà / che responsabilità si hanno nei confronti degli esseri umani che ti vivono accanto / e attraverso questo vetro vedo il mondo come una scacchiera / dove ogni mossa che io faccio può cambiare la partita intera / ed ho paura di essere mangiato ed ho paura pure di mangiare / mi perdo nelle letture, i libri dello zen ed il vangelo / l'astrologia che mi racconta il cielo / galleggio alla ricerca di un me stesso con il quale poter dialogare / ma questa linea d'ombra non me la fa incontrare / Mi offrono un incarico di responsabilità / non so cos'è il coraggio / se prendere e mollare tutto / se scegliere la fuga od affrontare questa realtà difficile da interpretare ma bella da esplorare / provare a immaginare cosa sarò quando avrò attraversato il mare / portato questo carico importante a destinazione / dove sarò al riparo dal prossimo monsone / mi offrono un incarico di responsabilità / domani andrò giù al porto e gli dirò che sono pronto a partire / getterò i bagagli in mare studierò le carte e aspetterò di sapere per dove si parte quando si parte / e quando passerà il monsone dirò / levate l'ancora / diritta avanti tutta / questa è la rotta / questa è la direzione / questa è la decisione.

Lorenzo Cherubini

1 Comments:

Anonymous Anonimo said...

29/10/2011
Se posso esprimermi liberamente direi :"due settimane del cazzo".

Non sono poeta, nè cantante, nè scrittore, e non sapevo nemmeno come spiegare e a "mettere in parole" a me stesso le sensazioni provate fino ad oggi.

Sono appassionato di corse, nel giro di due domeniche ho visto morire due persone, la seconda delle quali mi ha portato ad una intera settimana di pianti in pieno stile "checca isterica"; pensavo di essere scemo a piangere per la morte una persona che mai avevo conosciuto dal vivo, ma poi mi sono reso conto che ha toccato nel profondo tutti gli appassionati.

Ed è da un paio di giorni che c'è dell'altro, perchè questi due avvenimenti, oltre alla tristezza, mi hanno portato a farmi domande pensare, pensare, pensare...ma non sono arrivato da nessuno parte.

Poi vengo qui, scopro una canzone di Jovanotti che mai avevo ascoltato e mi rendo conto che è tutto in quel testo, scritto da un uomo che evidentemente ha avuto gli stessi "tormenti", ma che a differenza mia ha saputo esprimerli a parole.

D'improvviso, quindi, vedo chiaro...è lampante che lo "shock" nel vedere due vite spezzate in un attimo e la meditazione sui fatti successiva, mi ha fatto fare l'ultimo e, credo, definitivo passo.

Non sono più un ragazzo, credo...credo di essere diventato uomo, e questa volta per davvero.

Axel

3:54 PM  

Posta un commento

<< Home