giovedì, giugno 07, 2007

L'amore più puro in un tepore nuovo
di celesti lenzuola e del loro ristoro:
sono i soffici raggi delle pupille tue,
vi si accuccia il cessare delle sue paure.

Ed io vi spio e mi commuovo.

E grazie...
per tutto questo: grazie.
Per tutto quanto: grazie.
Per tutto: grazie.

E grazie.
Semplicemente grazie.
Perdutamente grazie.
Solennemente grazie.

Marlene Kuntz - Grazie